lunedì 8 novembre 2010

Le "scie" chimiche di cui ci si deve preoccupare: Quando la morte arriva dall’alto

Metto in evidenza un articolo segnalato da Claudio mediante Facebook.

Quando la morte arriva dall’alto

http://oggiscienza.wordpress.com/2010/11/08/quando-la-morte-arriva-volando/

Qui nessuno ha mai detto che gli aerei non inquinano e non provocano danni all'ambiente.

Su questo articolo si parla dei possibili rischi correlati alla combustione dei carburanti utilizzati dai numerosissimi aerei che solcano i cieli del mondo intero.

Si tratta el risultato di uno studio effettuato dal MIT, il Massachusetts Institute of Technology, in partnership con l’AiR Transportation Noise and Emissions Reduction e pubblicato sulla rivista scientifica Environmental Science and Technology.
Non stiamo mica parlando di ricercatori indipendenti che vedono aerei a 1000 metri di quota e che raccolgono ragnatele.

Lo studio stima che vi siano 8.000 decessi all'anno causati direttamente dall'attività aerea.

Si tratta di uno studio, di una stima.
Difficile stabilire se un decesso è causato dall'inquinamento aereo, da quello del traffico veicolare, da quello industriale, da tutti messi insieme o da altri fattori.
Probabilmente lo studio è errato in eccesso, oppure in difetto.
Dimostra però che si può parlare in modo serio di aerei e del loro impatto ambientale.

Altro che scie comiche, morgelloni, alluminio, polimeri sintetici, nanomacchie, rfid, controllo delle menti e stronzate varie di chi si preoccupa SOLO di normali scie di condensa.

4 commenti:

  1. e secondo te, tutta questa bagarre, a cosa serve se non a nascondere questo problema, che è reale? gli aerei producono inquinamento e acqua e c'è chi cerca di attirare l'attenzione sull'acqua.

    RispondiElimina
  2. Se c'è gente che dice che il male assoluto sono le scie di condensa e non inquinamenti vari, c'è da chiedersi se sia un codardo che vuole farsi soldi al riparo da attenzioni delle lobby, o se è d'accordo con queste per sviare l'attenzione dallo schifo che buttano in acqua e aria.

    La prima ipotesi è molto plausibile

    RispondiElimina
  3. questo si è un articolo sensato, come ho sempre sostenuto anche io gli aerei inquinano come inquinano tutti i veicoli o mezzi che bruciano combustibile. la differenza sostanziale invece stà nei complottisti racconta balle che nelle loro farneticazioni psicotiche se ne inventano di tutti i colori suscitando la pietà di chi gli legge.
    probabilmente ci godono a passare per ridicoli ed essere presi in giro da tutti dato che la loro credibilità rasenta lo zero.

    la riduzione delle emissioni inquinanti prodotte dal continuo aumento del traffico aereo è questione di studio anche da parte della CEE.

    RispondiElimina
  4. Quando il dito indica la luna, lo stolto guarda il dito....

    Che citazione, ragazzi!!!!!

    RispondiElimina

E' attivata la moderazione su tutti i post più vecchi di 14 giorni.
Non c'è nessun fine censorio nel fare ciò.
Dato che il tempo è quello che è, richiederebbe troppa fatica e tempo controllare in tempi brevi cosa viene pubblicato anche sugli articoli meno recenti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Sociable